Site logo

Sentiero del Viandante: un percorso incantevole sul Lago di Como

Sentiero del Viandante è uno degli itinerari più incantevoli del lago di Como e dell'intera Lombardia. Ve lo raccontiamo in 4 tappe.
Sentiero del Viandante - Lago di Como

Sentiero del Viandante: uno degli itinerari più incantevoli del Lago di Como

Il Sentiero del Viandante è uno degli itinerari più incantevoli del lago di Como e dell’intera Lombardia.

E’ un percorso affascinante della lunghezza di 45 km sospeso tra le montagne e la sponda lecchese del lago, che regala panorami da togliere il fiato e ci riporta alla memoria le parole del Manzoni: “…quel ramo del lago di Como che volge mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli…

Ed è proprio lungo questo ramo che corre un sentiero a mezza costa tra boschi e terrazzamenti vista lago coltivati a uliveti, piccoli borghi e le loro frazioni montane: il Sentiero del Viandante.

Il Sentiero del Viandante: tra natura, storia e cultura

Il percorso parte da Abbadia Lariana, in provincia di Lecco, per arrivare fino al Santuario della Madonna di Valpozzo a Piantedo in provincia di Sondrio, alle porte della Valtellina.

Nella primavera del 2021 è stato inaugurato anche un nuovo tratto: quello tra la città di Lecco e Abbadia Lariana, la cosiddetta “tappa 0“, che va così ad arricchire il percorso originario.

Percorrere il Sentiero del Viandante vuol dire fare un vero e proprio salto nel passato.

E’ infatti un sistema di antiche mulattiere che un tempo erano l’unico collegamento tra i paesi sulle rive del Lario e le loro frazioni di montagna.

Sentieri che hanno visto antiche generazioni di contadinipescatori viandanti percorrere queste vie in un continuo saliscendi tra le rive del lago e le montagne lecchesi.

L’itinerario merita di essere percorso non solo per la bellezza dei suoi paesaggi, ma anche perché ci conduce alla riscoperta del nostro territorio in un connubio tra artenatura cultura.

Sentiero del Viandante: cosa ci si può aspettare?

Oltre ai meravigliosi scenari panoramici lungo il sentiero si incontrano incantevoli paesi arroccati sulle rive del lago, piccoli borghi di montagna, interessanti testimonianze storiche e di fede, tra cui castelli, vecchi mulini, lavatoi, chiesette e cappelle votive.

Oltre a queste bellezze troviamo anche angoli naturalistici di rara bellezza come l’orrido di Bellano (vedi tappa 3) e la cascata del Cenghen (deviazione tappa 1).

Come percorrere il Sentiero del Viandante

Vista la lunghezza dell’itinerario (45km) e dislivelli che vanno da 400m a 800m vi consigliamo di percorrerlo in 4 tappe (a cui è possibile aggiungere la cosiddetta “tappa 0” di 7km), seguendo le targhe di color arancione che si trovano per il sentiero:

La suddivisione in 4 tappe è generica e dipende molto dalla propria condizione fisica e da come si vuole vivere l’esperienza.

Preparazione sentiero del Viandante

L’itinerario non richiede una preparazione da escursionisti esperti ed è adatto a tutti, ma non dimentichiamoci che le montagne qui salgono repentinamente e se pensate di fare una semplice passeggiata al lago non siete nel posto giusto, soprattutto nella seconda e nella quarta tappa.

Dotatevi di un buon paio di scarpe da trekkingscorta di acqua e cibo e lasciatevi ammaliare dall’incanto del lago di Como.

E non dimenticatevi di dedicare il tempo a vostra disposizione non solo a camminare ma anche a contemplare ciò che vi troverete davanti agli occhi.

Se non state pianificando un soggiorno di 5 giorni sul lago di Como e volete fare l’escursione in giornata il modo migliore per godersi ogni singola tappa è giungere a destinazione e ritornare poi al punto di partenza in treno.

La presenza del collegamento ferroviario Lecco-Colico è un vantaggio non indifferente che dà la possibilità di effettuare il Sentiero del Viandante a distanza di tempo e anche in stagioni diverse, per vivere il lago di Como in tutte le sue sfaccettature.

Sentiero del Viandante: in quale stagione è meglio farlo?

Trovandosi a un’altitudine relativamente modesta e avendo una buona esposizione, l’itinerario è percorribile in ogni momento dell’anno.

Se vi state chiedendo però qual è il periodo migliore per percorrerlo, noi vi consigliamo la Primavera e l’Autunno, quando la natura è nel pieno della fioritura nei mesi di Aprile e Maggio oppure quando i boschi si incendiano di tutte le tonalità dell’arancio e del rosso, tra la metà di Ottobre e la fine di Novembre.

Anche l’Inverno può regalare giornate straordinarie, con l’aria frizzante e i cieli tersi dei primi mesi dell’anno che offrono scorci di commovente bellezza con le vette innevate che si specchiano nel lago.

D’Estate, invece, le temperature possono essere decisamente alte per percorrere il sentiero, ma se si sfruttano le prime ore del giorno o il tardo pomeriggio potreste essere ripagati da un’alba meravigliosa o da un indimenticabile tramonto.

Se si tiene conto poi che ci si può rilassare al fresco dei boschi e che sul lago vi sono diversi luoghi dove potersi fermare per fare un bagno rigenerante dopo la fatica, possiamo a ragione includere anche l’Estate come stagione per poter godere di questo sentiero (una delle spiagge più incantevoli di questa sponda del lago è sicuramente la Riva Bianca di Lierna).

Insomma ogni mese può regalare emozioni uniche, a voi la scelta!

Qui di seguito vi riportiamo le diverse tappe con le loro specifiche tecniche e i luoghi più interessanti da non perdere lungo il percorso.

Sentiero del Viandante: in quale stagione è meglio farlo?

Ora avete tutte le informazioni che vi servono per intraprendere il vostro breve ma intenso viaggio!

Non vi resta che iniziare a camminare seguendo le placche color arancio che segnano il sentiero lungo tutto il percorso e farvi trasportare su questa meravigliosa sponda del lago di Como.

Ringraziamo l’autrice Manuela Brunello, la bionda con la valigia per l’articolo, ecco qui il suo profilo Instagram personale. Mentre Road to Lombardia è la sua pagina per scoprire alcuni posti da visitare in Lombardia.

Inizia
Ciao 👋 sono Mirko!
Come posso aiutarti?