• Località di partenza: Strada Monte Bisbino
  • Lunghezza: circa 9 chilometri A/R

  • Dislivello: circa 350 metri
  • Durata: circa 4 ore A/R

  • Punti di ristoro: Rifugio Bugone / Rifugio Murelli / Agriturismo Roccolo San Bernardo

Monte Colmegnone:escursione sul Lago di Como

Il Monte Colmegnone è una vetta molto panoramica affacciata sul Lago di Como. Ci sono diversi sentieri per raggiungerlo: dal lago, partendo da Laglio, Moltrasio o Carate Urio, dalla Valle Intelvi (con partenza dall’Alpe Cerano) oppure dalla strada che sale al Monte Bisbino.

Oggi vi parleremo di questo ultimo itinerario, il percorso che porta al Monte Colmegnone partendo dalla strada del Monte Bisbino poiché è semplice e adatto a tutti. Inoltre per chi volesse camminare di meno, potrà percorrerne un pezzo anche in auto su strada sterrata, ma ve lo sconsigliamo. Meglio camminare no?

Dal Monte Bisbino al Monte Colmegnone: come arrivare

La strada per il Monte Bisbino parte da Cernobbio, praticamente dal centro. Bisogna salire verso il borgo caratteristico di Rovenna (dove parte anche il piccolo ma spettacolare percorso del Sentee di Sort ) e seguire la strada fino per il Monte Bisbino (alto 1.325 m s.l.m).

Proseguire per 15 km circa fino a giungere alla “località Ca’ Bossi”, posta a pochi tornanti dalla vetta. Potete parcheggiare l’auto e imboccare la “Via dei Monti Lariani” in direzione del Rifugio Bugone (c’è un cartello con l’indicazione).

Seguendo la strada lievemente in discesa raggiungerete presto il Rifugio Bugone, proseguite il percorso con vari sali-scendi fino ad arrivare al Rifugio Murelli, dove potrete fare una piccola sosta e da dove è possibile già intravedere il Monte Colmegnone.

Poco dopo il Murelli la poderale si dirama, tenendo la destra si giunge all’Agriturismo Roccolo San Bernardo sopra il quale, dopo una piccola salita più ripida, si trova la vetta.

In vetta al Colmegnone potrete godere di una vista vertiginosa sul sottostante bacino del Lago di Como, e nelle giornate limpide lo sguardo si apre dall’Appennino fino alle Alpi svizzere.

Seguici su Instagram